#CorriX5 al traguardo finale!

May 7, 2018

Ti ricordi cosa è successo il 22 Ottobre? 

Forse questa data non ti dirà nulla, ma per noi è stata una giornata indimenticabile. 

 

Prima di tutto perchè per molti di noi è stata la prima maratona (e che maratona quella di Venezia!), e anche se abbiamo corso "solo" 10k, tagliare il traguardo è stato qualcosa di davvero unico! 

 

Lo sanno bene Lucia, Nica, Rosanna, Alberto, Giovanni, Filippo e Maurizio: passare per Piazza San Marco e sentire le voci delle tante persone che urlavano il nostro nome e facevano il tifo per noi ci ha dato le forze per correre gli ultimi km: un sali e scendi tra i ponti di Venezia che hanno messo a dura prova migliaia di runners.

 

Ma anche per Francesco, Francesca, Elga (9,92 Running) e Alfredo (Atletica Pietrasanta Versilia), abituati a trovarsi di fronte un serpentone di 42k, questa corsa è stata più di una maratona: un'esperienza ricca di emozioni, sacrificio e tanta voglia di mettersi in gioco per una causa più grande di noi. 

 

- Continua dopo la galleria - 

 

Proprio così. Perchè il 22 Ottobre i nostri runners si sono messi in moto non solo per tagliare il traguardo finale della Venice Marathon, ma soprattutto per raccogliere i fondi necessari a fornire le cure chemioterapiche, per un anno intero, a 5 bambini malati di leucemia in cura presso l'Ospedale Pediatrico di Maracaibo. 

 

E ci sono riusciti! Più di 5.000€ raccolti, un risultato fantastico e una gioia immensa per tutti coloro che hanno preso parte a questa grande impresa, che oggi si chiude con una notizia che non vedevamo l'ora di darvi: 

 

la consegna dei farmaci alla Dott.ssa Betty de Ramos, Coordinatrice dell'Unità di Onco-Ematologia dell'Ospedale Pediatrico di Maracaibo, da parte della Direttrice di ATMO, Enrica Giavatto, e del piccolo Nataniel, che la ha accompagnata in questo momento così importante.

 

Ecco qui il video della consegna: 

 

 

Tutto questo non sarebbe stato possibile senza i nostri runners e senza tutte quelle persone che hanno creduto in loro, che hanno creduto in noi, e che hanno donato per dare una speranza di vita ai bambini venezuelani.

 

A tutti voi, vogliamo dire la più semplice e la più importante delle parole: GRAZIE!